Intervista a Alessandro Peretti ed Andrea Corti – Dimmelo Founders


Da dove nasce l’idea di “Dimmelo”?

L’idea di Dimmelo nasce dalle molteplici necessità e dai mille ostacoli che noi tutti siamo tenuti a considerare e ad affrontare durante la nostra vita quotidiana,

che si tratti di trovare un parcheggio durante gli spostamenti di tutti i giorni, ricevere soccorso da persone che si trovano in nostra prossimità, venire a conoscenza di informazioni circa ostacoli stradali, segnalazioni urbane ed eventi flash che possono avere breve durata ma avere un grande impatto sul nostro vivere quotidiano.

Qual è la differenza tra “Dimmelo” ed i vari competitors?

Dimmelo si propone come un’app di accompagnamento e di supporto per l’utente durante momenti della giornata che prevedano spostamenti e percorsi da effettuare.

Il fine dell’app è di fornire un aiuto concreto e rapido senza la necessità di avviare specificatamente l’applicazione, aspetto assolutamente innovativo a nostro giudizio.

Competitors come Google Maps, Waze e la miriade di applicazioni incentrate su mappe e esplorazione forniscono servizi fondamentali per la navigazione e la ricerca di luoghi specifici, ma sono carenti nel rimanere perennemente aggiornate sulle segnalazioni rapide (o comunque necessitano di attivazioni specifiche da parte dell’utente, consumando molta batteria).

Quale pensate sia il passo successivo per crescere più rapidamente?

Convincere più utenti possibile a condividere segnalazioni urbane, parcheggi disponibili, eventi flash e a sua volta ricevere notifiche su tutto ciò che li circonda, includendo e accorpando alle segnalazioni manuali anche servizi automatizzati di monitoraggio e una gestione sempre più completa dell’esperienza utente.

La sfida più complessa che avete affrontato sviluppando il vostro progetto?

Sicuramente quella di sviluppare un’idea innovativa all’interno di un settore e di un contesto ormai saturo e dominato in assoluto da colossi come Google e Apple, sempre tuttavia con la forte consapevolezza di poter risolvere tutti quei problemi che in ambito cittadino causano ancora moltissimi disagi alle persone, nonostante la tecnologia già esistente.

In cosa vi sentite particolarmente innovativi?

Nell’aver inquadrato un ambito che ancora non è presente nei nostri smartphone, cioè quello di accompagnare gli utenti 24 ore su 24 nell’affrontare i piccoli (ma spesso logoranti) problemi in contesti urbani nel miglior modo possibile, essendo noi stessi i primi a viverli.

Sito web: https://dimmelo-app.com/

Where did the idea of “Dimmelo” come from?

The idea of ​​Dimmelo comes from the multiple needs and the thousand obstacles that we are all required to consider and face during our daily life,

whether it is to find a parking space during everyday movements, receive help from people who are in our vicinity, learn about information about road obstacles, urban signals and flash events that can have a short duration but have a great impact on our daily life.

What is the difference between “Dimmelo” and the various competitors?

Dimmelo is being proposed as an accompanying and supporting app for the user during moments of the day that foresee movements and routes to be made.

The purpose of the app is to provide concrete and quick help without the need to specifically launch the application, which is absolutely innovative in our opinion.

Competitors such as Google Maps, Waze and the myriad of applications focused on maps and exploration provide fundamental services for navigation and search for specific places but are lacking in staying up to date on quick reports (or in any case they need specific activations by the user, consuming a lot of battery).

What do you think is the next step to grow faster?

Convince as many users as possible to share urban reports, available parking spaces, flash events and in turn receive notifications on everything around them, including and merging automated monitoring services and an increasingly complete management of the user experience with manual reports.

Which was the most complex challenge you faced while developing your project?

For sure developing an innovative idea within a sector and context that is now saturated and dominated by giants such as Google and Apple, always however with the strong awareness of being able to solve all those problems that still cause many in the city. inconvenience to people, despite the already existing technology.

In which way do you feel particularly innovative?

In having framed an area that is not yet present in our smartphones, that is to accompany users 24 hours a day in dealing with small (but often tiring) problems in urban contexts in the best possible way, being ourselves the first to live them.

Website: https://dimmelo-app.com/